castellodellaluna

Il Castello della Luna

Arte, miti, magia, teatro

Venerdì 12 agosto 2011, dal pomeriggio fino a notte, San Giovanni si tinge di magia e mistero per far rivivere tradizioni e miti inediti d’Appennino. Sarà l’evento inaugurale del festival-rassegna organizzato da Accademia Tages con la collaborazione del Comune di Borghi e del Museo Renzi, che si svolgerà ogni anno in due inconsuete e straordinarie giornate all’insegna di temi di grande fascino e con gradite sorprese: spettacoli teatrali e musicali, incontri con studiosi e tavole rotonde, presentazioni di libri e incontri con autori, e poi video-installazioni, proiezioni di filmati, laboratori didattici e mostre nel locale Museo Renzi. E tutto all’insegna di un dialogo aperto tra storia, archeologia, magia, arte, mito, mondo dell’immaginario, teatro, musica e cinema.

Quest’anno, il primo evento – organizzato da Andrea Antonioli, Presidente di Accademia Tages, nonché Direttore del locale Museo Renzi – prevederà un ricco programma con visite al Museo fin dal primo pomeriggio alla scoperta delle origini degli Etruschi tra mito e archeologia.
- Alle 18,00 la proiezione del video-racconto Nora dei Folletti prodotto da Accademia Tages e presentato da Anna Antoniazzi, che ripercorre la fantastica storia di una Sibilla d’Appennino che un giorno catturò un folletto riducendolo ai suoi voleri.
- A seguire aperitivo per tutti offerto dal Museo Renzi.
- Alle 19,00 circa sarà possibile assaporare il fascino dei luoghi cenando a prezzi convenzionati nei ristoranti locali (Osteria di Fulet e Ristorante Belvedere).
- La rassegna si concluderà alle ore 21,00 con lo spettacolo teatrale tratto dal volume di Accademia Tages L’utopia e il gelo a cura della compagnia Il Teatro della Luna formata dal trio Monica Briganti, Maurizio Mastrandrea e Sabrina Guidi, con accompagnamento musicale dal vivo per violoncello (Giorgio Borghi), pianoforte (Raffaella Benini), percussioni e didjridoo (Dario Armuzzi). Saranno così svelati i misteri di una città che visse cent’anni (da un racconto di Enzo Fabbrucci).
L’evento è accessibile a tutti ed è interamente gratuito.

torna su